papperà gigante

Inflatable Art

La capacità di scolpire l’aria per creare installazioni d’arte contemporanea non realizzabili con materiali tradizionali, viene chiamata “Inflatable Art”. Il gonfiabile sta tornando al successo di cui vantava negli anni ‘60, quando Andy Warhol, con le sue silver clouds, lo consacrava come oggetto d’arte. La Air Art che non ha mai smesso di coinvolgere artisti e di affascinare il pubblico, in questa nuova fase viene definitivamente sdoganata da vecchi clichè, diventando un materiale alla base di opere dal forte carattere comunicativo. Ne è un esempio la “performance-sculpture”, ovvero la progettazione di sculture, installazioni e ambienti completamente inflatable.
L’artista francese Yves Klein nel 1961 scriveva il testo Architecture de l’air, esponendo la sua poetica da cui dar vita ad un nuova arte che rivoluzionasse il modo di abitare il pianeta e di relazionarsi dell’uomo. Le sue teorie erano contaminate da varie correnti artistiche, e da personaggi illustri come l’ingegnere inglese F.W.Leichester che a inizio del 900 immaginò un nuovo modello di città eretta solo con edifici gonfiabili.
Inflatable Design, non si limita a piccoli oggetti ma è stato sperimentato nelle architetture di grandi dimensioni, in scenografie e installazioni.

Share This

Copy Link to Clipboard

Copy